CAFFARACCIA, IL TOPONIMO

Caffaraccia
Autore Sergio Mussi
Derivazione
Genere n.d.
Tipo n.d.
Periodo Storico Altomedievale
Deriva dalla Lingua Longobarda
Deriva da n.d.
Dati amministrativi
Nazione Italia
Regione Emilia Romagna
Provincia Parma
Comune Borgo Val di Taro
Territorio
Coordinate 44.530369874437,9.7931270609843
Altitudine n.d.
Il paese è abbarbicato su un ripido pendio nella costa di monte sovrastante il rio Corriago in alta Val di Vona a nord di Borgo val di Taro dal quale dista circa 8,6 Km.. L’antico borgo rurale si sviluppa lungo la strada che conduce a Carghilla a un’altitudine compresa tra i 750 e gli 850 metri s.l.m.. È ipotesi ragionevole che si tratti di un luogo dove nell’Alto Medioevo si è insediata una fara[1], famiglia longobarda, che per prima l’ha abitato e avuto in possesso. Il toponimo è formato dal lat. casa, ‘casa rustica’ e dalla parola di origine longobarda fara[2] alla quale è stato attaccato il suffisso aggettivale latino f. -acea (m. -aceo), it. -accia, alle volte usato in senso peggiorativo, con risultato faracea, che vuol dire ‘della fara’ (che appartiene alla fara cioè alla ‘famiglia’). Il sostantivo ‘casa’, invece, dev’essere sopravvenuto in epoca più tarda, dopo la costruzione della prima abitazione, andandosi ad aggiungere nel tempo alla più antica denominazione Faraccia dando luogo così all’odierno Cafaraccia (casa + fara + -accia). La storia del paese è legata ai Platoni, antichi signorotti della Valvona nella quale troverebbe origini la loro famiglia. Sulla facciata di un’abitazione, posta al centro del piccolo paese, è affissa una lapide di marmo bianco nella quale campeggia il loro blasone raffigurante tre colline sormontate da una ‘casa torre’ quale simbolo di forza e di potenza e una scritta in carattere ‘Gotico’[4] che si riporta qui di seguito con la relativa traduzione: HAC (HANC) . CAPELLAS (CAPELLAM) . FECERUT . HEREDES . (ET) NOBILIS . BALDI . (DOMINI) . PLATONO . IN . MCCC . LXII : Questa cappella costruirono gli eredi del nobile Baldo Platoni nel 1462 .[5] Il toponimo è antico, potrebbe essersi fissato nell’Alto Medioevo.

Toponimi correlati:

  • Cafarasca, Albareto (PR)

Note

  1.  Cfr. Zaccaria E., L’elemento germanico nella lingua italiana, Libreria editrice Treves, Bologna 1901, pp. 124-125.
  2.  Gruppo parentale in armi al seguito dell’esercito longobardo.
  3.  ‘Archivio Storico per le Province Parmensi’, vol. 57, p. 261 – 296.
  4.  ‘Gotico rotonda italiana o Schwabacher’, gotici medievali.
  5.  Traduzione della Dott. ssa Bevilacqua Cornelia, paleografa.

La Strada del Tram, il sogno svanito

Della “Strada del Tram”

la tramvia Borgotaro – Bedonia

È noto che alcuni abitanti del quartiere San Rocco di Borgo Val di Taro, specialmente quelli della mia generazione, abbiano sentito spesse volte ricordare dai più anziani la “Strada del Tram”, oggi Via Malta; notizia che a loro volta gli venne tramandata dai loro nonni o dai loro bisnonni, ma priva di fonti documentali.

Continua a leggere

Le botteghe di Berceto nel XVI secolo

Le notizie sono tratte dal Fondo Catasti farnesiani (1512 – 1607), conservato presso l’Archivio di Stato Parma. L’opuscolo ha visto la stampa nel dicembre 2009 con il contributo di Berceto Festival; Regione Emilia Romagna;  Provincia di Parma; Comune di Berceto; Camera di Commercio di Parma (Nuova edizione online, 1 marzo 2021)

© Sergio Mussi, 2009 – Stampato in Italia. Grafica e impaginazione: Luca Mussi

Continua a leggere

Borgoratto, Mormorolo, Borgo Priolo e dintorni…

OLTREPÒ PAVESE: Percorsi storico archeologici per la valorizzazione del territorio a cura di Silvia Lusuardi Siena e Simona Sironi. Borgoratto, Mormorolo, Borgo Priolo e dintorni: toponimi in una terra di confine contesa tra città e diocesi (Pavia e Piacenza, Tortona e Bobbio). Mi auguro che questo studio possa portare un decisivo contributo alla spinosa questione del suffisso ratto- , per ciò che attinge al toponimo Borgoratto dell’Oltrepò Pavese, nonché per le denominazioni Mormorolo, Borgo Priolo, Postema e Zebedo.

Continua a leggere

Il monte Bardone e le origini di Berceto

I secoli dell’Appennino“. Antiche Porte editrice, Reggio Emilia, dicembre 2011, La Nuova Tipolito snc, Felina (Reggio Emilia). I secoli dell’Appennino. info@anticheporte.it. Poteri, territorio e popolamento in Val di Taro tra antichità e Medioevo. Atti della giornata di studio Berceto, 2 luglio 2011, organizzazione a cura di Ermanno Winsemann Falghera

Continua a leggere

L’origine del nome di Berceto e i primi anni del monastero

Nella stessa occasione ci eravamo impegnati a parlare in questo 2012, in cui ricorre il XIV centenario dell’ascesa al trono del re longobardo Liutprando, a cui si deve la fondazione dell’abbazia di Berceto, dell’origine del toponimo Berceto e degli inizi della storia del monastero nella prima metà dell’VIII secolo. Assolviamo oggi a questo impegno2

Continua a leggere